Professore a contratto di Trapianto di Capelli presso la Scuola di Specializzazione di Chirurgia Plastica dell'Università di Siena - Membro Fondatore della "Società Italiana di Cure e Chirurgia della Calvizie" (ISHR)
V. del Garofano, 16 - 41100 S. Damaso (MO) - Tel/Fax: 059.469431 - Cell.: 0335.8448973 info@balsamoonline.it

Il trapianto dei capelli

Unica vera soluzione scientifica e definitiva al problema della calvizie

La calvizie androgenetica, non è una malattia, né dipende da cattiva circolazione, come molti credono o vogliono far credere, ma è una condizione determinata solo da fattori ormonali e genetici.Per cui massaggi, lozioni, creme, vitamine e farmaci vari non possono avere alcuna influenza apprezzabile sull'arresto definitivo della caduta dei apelli, né sulla loro ricrescita.

L'osservazione quotidiana ci insegna che la donna raramente è calva, e non lo sono neanche i giovani in età prepuberale.
Quindi la calvizie maschile deve essere considerata un fenomeno naturale che fa parte di quel processo fisiologico che trasforma il fanciullo in uomo: così come c'è chi ha più o meno barba, c'è anche chi ha più o meno capelli.

Nelle cellule follicolari (bulbi) dei vari distretti corporei, esistono dei recettori specifici che sotto l'azione di un ormone, il deidrotestosterone, danno risposte differenti da zona a zona, determinando la caduta di alcuni capelli.

Nell'uomo i capelli con "memoria" di caduta sono situati sull'area vertico-frontale.

Questo fa sì che se noi trasportiamo capelli che hanno recettori senza stimolo di caduta da un'area ad un'altra, sullo stesso individuo, continueranno a mantenere questa caratteristica ovunque si trovino.

In questi ultimi cinquant'anni, il trapianto dei capelli ha avuto modo di dimostrare con successo di essere l'unica e vera soluzione scientifica al problema della calvizie, e con le ultime tecnologie di microchirurgia, si può tranquillamente raggiungere un aspetto tanto naturale che difficilmente potrà essere notato anche dall'occhio più attento.

Ma è l'esperienza del chirurgo che determina il pieno successo del risultato, per cui è bene rivolgersi solo a personale qualificato che possa dimostrare di avere eseguito in prima persona almeno un centinaio di interventi.

E' vero che il trapianto non moltiplica i capelli, quindi non ripristinerà mai la densità originaria, ma sicuramente eliminerà la paura di diventare calvi, dando una copertura di capelli che cresceranno, e che potranno essere tagliati, pettinati, colorati, o quant'altro, per tutta la vita.
Pag. 1 2
P.I./C.F. 00823630363